Le mostre e gli eventi più interessanti e curiosi dal mondo

Memorie#Confronti

https://www.trustfdp.it/memorie-confronti-2018.html

2-18 novembre 2018 Cultura nella Valle del Tevere

Da Norcia a Città di Castello: l'arte e la musica per la rinascita dei territori post-terremoto e la scoperta dei tesori nascosti nei piccoli borghi con la mostra Memorie#Confronti

Norcia, Gubbio, Città di Castello, Montone, Alviano, Attigliano. Sei centri della Valle del Tevere, compresi alcuni territori colpiti dal sisma del 2016, hanno aderito al programma dell'Associazione Genius Loci Floridi Doria Pamphilj per la valorizzazione e la promozione del territorio e del patrimonio storico e culturale dei luoghi legati alle famiglie Floridi Doria Pamphilj attraverso l'arte e la musica. Le prime iniziative sono in programma dal 2 al 18 novembre. Ad inaugurare il calendario, la mostra Memorie#Confronti (venerdì 2 novembre alle ore 17) nella Pinacoteca del rinascimentale Palazzo Vitelli alla Cannoniera di Città di Castello, tra i più importanti musei in Umbria per opere custodite e vero gioiello da scoprire. La mostra, in programma fino a domenica 18 novembre, mette a confronto arte contemporanea e tradizione pittorica antica con l'esposizione dell'opera vincitrice della prima edizione del Premio "Memorie#", Clavis Universalis di Jasmine Pignatelli, accanto alle copie di opere di arte antica che si riferiscono a tre episodi della tradizione storica e artistica delle famiglie Floridi Doria Pamphilj.

La presentazione della Mostra Memorie#Confronti a Genova, Palazzo del Principe

La Bottega Tifernate realizza le riproduzioni

Un sodalizio tra la famiglia Lazzari e le famiglie Floridi Doria Pamphilj che va avanti dal 2001

Le riproduzioni per la mostra Memorie#Confronti sono state realizzate dalla Bottega Tifernate di Città di Castello che ha ricreato ogni dipinto seguendo le caratteristiche ed i colori degli originali. Un lungo percorso di ricerca e studio seguito da tutto il team della Bottega che ha permesso di ricostruire nei più piccoli dettagli dipinti su tavola, tela ed anche disegni su cartoncino, parte della grande collezione dei principi Doria e Pamphilj ma anche della famiglia Floridi.

A chiudere, invece, il programma di eventi, il concerto di musica antica della Schola Romana Ensemble dal titolo Sacro e Profano, Imperatori e Papi, in memoria di San Benedetto, a Norcia, nel Centro di Valorizzazione di via Solferino (domenica 18 novembre, ore 17.30). Nel programma della Schola Romana Ensemble – considerato uno dei migliori complessi in grado di eseguire brani che vanno dall'antichità greco-romana al Settecento – musiche dall'imperatore Adriano a Papa Innocenzo X Pamphilj. Ad Attigliano, sabato 3 novembre alle ore 17, inaugura la mostra Genius Loci, in programma fino al 18 novembre, con le riproduzioni dei quadri originali delle collezioni private Floridi Doria Pamphilj custodite nei palazzi rinascimentali di Roma e Genova. A Gubbio, il 4 novembre, dopo il grande successo di pubblico, chiude la mostra Gubbio al tempo di Giotto – Tesori d'arte nella terra di Oderisi organizzata in tre sedi espositive (Palazzo dei Consoli, Museo Diocesano, Palazzo Ducale). E, infine, Alviano con "Olio & Farro", dal 16 al 18 novembre, sarà una delle tappe della Maratona dell'Olio mentre Montone, considerato uno dei Borghi più belli d'Italia, ospiterà nei suoi vicoli e piazzette, dall'1 al 4 novembre, la Festa del Bosco.

La Valle del Tevere come centro di Cultura rinascimentale

Cultura nella Valle del Tevere è organizzata dall'Associazione Genius Loci Floridi Doria Pamphilj, con il patrocinio della Provincia di Perugia e dei Comuni coinvolti di Alviano, Attigliano, Città di Castello, Gubbio, Montone, Norcia

L'ingresso a tutti gli eventi è libero www.trustfdp.it

Ufficio stampa Simona Savoldi 339 6598721 – savoldi.press@gmail.com

Le mostre temporanee a Le Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano a Napoli.

Leonardo da Vinci. La Scapiliata | L’Ospite illustre da Parma

Le Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano presentano dal 6 luglio al 2 settembre la mostra temporanea su Leonardo da Vinci. La Scapiliata | L’Ospite illustre da Parma. La nuova edizione della rassegna L’Ospite Illustre accoglie alle Gallerie d’Italia di Napoli, grazie a uno straordinario prestito dal Complesso Monumentale della Pilotta di Parma, la Testa di fanciulla, generalmente nota come La scapiliata, di Leonardo da Vinci.  L’esposizione anticipa le celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Leonardo previste nel 2019. Inoltre, a distanza di oltre trent’anni dalla grande mostra Leonardo e il leonardismo a Napoli e a Roma tenutasi al Museo di Capodimonte, il dipinto ritorna in città e consente di riprendere, con l’occasione, i temi affrontati in quella circostanza, aggiornandoli con i più recenti interventi critici.

Metabolismo napoletano – Luciano e Marco Pedicini.

Le Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano presentano dal 9 giugno al 30 settembre la mostra fotografica Metabolismo napoletano – Luciano e Marco Pedicini. Napoli ha sempre dimostrato una grande capacità di rigenerarsi. Utilizzando le “porte spazio-temporali” lasciate aperte da uomini passati e contemporanei, Luciano e Marco Pedicini fanno correre un filo visivo per ricucire l’immagine di una città complessa e ricchissima di arte; un percorso che trae la sua forza da una tradizione fotografica lunga ormai tre generazioni e interamente dedicata alla maturazione di uno sguardo sulle opere d’arte come qualcosa di vivo e presente. Opere lontanissime nel tempo, ognuna con la propria storia da raccontare, s’incontrano per la prima volta nella stessa sala eppure riescono a parlare la stessa lingua e, insieme, a costruire un senso nuovo, comune. La mostra ha avuto una prima sede nel 2017 a Bruxelles organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura.

Da martedì a venerdì dalle 10.00 alle 18.00 (ultimo ingresso 17.30)

Sabato e domenica dalle 10.00 alle 20.00 (ultimo ingresso 19.30) | Chiuso il lunedì

Aperture straordinarie: 15 agosto

Biglietto congiunto mostra e collezioni permanenti

Intero € 5 | Ridotto € 3

Ingresso gratuito: ogni prima domenica del mese, per convenzionati, scuole e minori di 18 anni

Prenotazione obbligatoria per i gruppi e le scuole

info@palazzozevallos.com

grazie a Giovanni Manzo e ItaliaArtMagazine

L’arte per l’arte

Alla Galleria Nazionale dell’Umbria fino al 10 giugno 2018 è ancora possibile visitare l’interessante esposizione dal titolo “Tutta l’Umbria una mostra”: la mostra del 1907 e l’arte umbra tra Medioevo e Rinascimento che ripercorre obbiettivi e finalità di quella che può considerarsi come la più significativa esposizione mai tenuta in Umbria.

All’interno della mostra sono presenti i protagonisti della straordinaria fioritura artistica umbra tra Medioevo e Rinascimento. Circa 130 opere di artisti quali Perugino, Arnolfo di CambioPinturicchio, Benozzo Gozzoli e Gentile di Fabriano, esposte mettendo in evidenza il percorso evolutivo storico-critico dal 1907 ad oggi.

“Si tratta di una mostra davvero legata al territorio – secondo il direttore della Galleria Marco Pierini – non soltanto perché gran parte delle opere sono ancora conservate in Umbria, ma soprattutto perché è stato possibile riservare una quota importante del budget per finanziare numerosi restauri e interventi conservativi. A riprova che i musei sono, e devono continuare ad essere, istituti dedicati alla tutela, oltre che alla valorizzazione, e non possono recidere lo strettissimo vincolo con il contesto geografico, storico e culturale dal quale sono nati e nel quale hanno fino ad ora operato”


In occasione di questa importante rassegna vi presentiamo, con brevi richiami storici, un’importante opera esposta all’interno Galleria Nazionale Umbra, la Pala di Santa Maria dei Fossi di Pinturicchio, della quale noi riproduciamo su affresco il soggetto centrale con la Vergine e il Bambino.

 

La pala d’altare realizzata con tecnica ad olio su tavola e tela è databile tra il 1496 e il 1498.

L’intera opera è una riflessione sul destino della Chiesa e sul sacrificio di Gesù Cristo, simbolaggiato dalla Croce che San Giovannino passa nelle mani del Bambino e dal melograno, simbolo della Passione. Passione che viene richiamata anche dal vivo colore della veste della Vergine.

 

Enzo Carli nel 1960 definì l’opera con “straordinaria lietezza e freschezza nei colori“.

Con la tecnica della pictografia la riproduzione del soggetto viene eseguita a fresco su calce, con interventi in foglia oro 18 kt. e colature a rilievo di gesso a caldo.

Non perdete l’opportunità di avere questo affresco in edizione limitata.

Per qualsiasi informazione potete visitare il nostro sito www.bottegatifernate.com, contattarci tramite: info@bottegatifernate.com o chiamarci direttamente allo 075 851 1651.